Boom di incontri trans – 2018 anno record

Trans, il fenomeno

Oggi come oggi parlare di trans è diventato una cosa normale, visto il grande battage che ne fanno i media, spinti da una forma di morbosa curiosità, troppo spesso mascherata da amore per l’informazione.
Il più delle volte però risulta essere un modo per vendere delle notizie che altrimenti nessuno avrebbe reputato degne di nota.
Proprio da qui nasce la mania di parlare del fenomeno trangender, probabilmente esistente dall’alba dei tempi ma mai stigmatizzato come oggi.
In fondo sentirsi appartenere ad un genere diverso da quello con cui si è stati registrati all’anagrafe, non è nè una novità nè una malattia e praticamente ogni civiltà civile ha non solo accettato , ma addirittura riconosciuto il diritto di cambiare sesso sia a uomini che donne realmente motivati da profonde ragioni personali ad intraprendere una strada così impervia.

Gli incontri, il motivo
Le ragioni che possono spingere un uomo o una donna a cercare un incontro con un trans possono essere le più varie, anche se nella maggior parte dei casi sono di natura sessuale.
Può trattarsi di curiosità, desiderio di trasgressione o anche di altri motivi spesso non condivisibili con il/la partner.
Nel caso si tratti di ragioni di natura ludico/sessuale, spesso la scelta è dettata dalla curiosità di scoprire se risponde a verità quel che si dice sulle capacità di soddisfare un uomo, che sono sicuramente maggiori, visto che in origine anche “lei” era un uomo e quindi conosce bene il modo per far provar piacere a un maschio.

Per quel che riguarda la volontà di trasgredire, sovente il fatto di accompagnarsi ad un trans viene visto come un far qualcosa di fuori degli schemi sociali, quindi stimolante e pertanto eccitante, proibito e appagante.
Guardando da ultimo al non confessabile al proprio partner, bisogna fare una riflessione più delicata e profonda.
Molte coppie sono composte da persone che spesso stanno insieme per convenzione sociale più che per amore o reale desiderio di condividere qualcosa.
Molte volte capita che uno dei due riesca a metabolizzare quale sia il suo vero “io” e quindi decida di fare “outing” e pertanto decida di provare a condividere quelle che sono le sue sensazioni e i suoi pensieri con chi ha già fatto quella strada prima di lui.
Altre volte capita anche che il trans rappresenti per le coppie la cosiddetta “valvola di sfogo”, per cui si instaura una relazione con questi proprio per cercare di trovare un qualcuno che soddisfi i desideri di entrambi senza doversi sentire in colpa.
In fondo, l’essere passato da un genere all’altro, fa sì nell’immaginario di molte persone, che questo venga percepito, anche se è insensato, come accettabile da entrambi i partner e pertanto non generi gelosie in nessuno dei due.
Fonte: atrans.it

Leave a Reply